AgroDoc – Denominazione di Origine Campana A San Valentino Torio ritornano documentari e musica
Comunicato Stampa Eventi

AgroDoc – Denominazione di Origine Campana A San Valentino Torio ritornano documentari e musica

AgroDoc – Denominazione di Origine Campana

A San Valentino Torio ritornano documentari e musica

In piazza, tra gli altri, Enzo Gragnaniello, Enzo De Caro, Ludovica Coscione, Antonio De Matteo e Antonio Fresa

 

Ritorna a San Valentino Torio, nel cuore dell’Agro Nocerino, Agrodoc, la rassegna che unisce documentari, teatro, musica e territorio dove la parola ‘Doc’ è declinata in ‘denominazione di origine campana’.

Tra il 29 maggio e il 1 giugno, con la decisiva collaborazione di Rai Documentari, verrà montato un palco nella centrale Piazza Ammendola dove per quattro sere di fila verranno proiettati altrettanti documentari di grande appeal che verranno preceduti da alcune ‘lezioni di cinema’ con registi e attori protagonisti ‘coordinati’ da Roberta Ammendola e Francesca Silvestre.

La rassegna sarà ‘accompagnata’ da diverse direzioni della Rai a partire dalla TgR per arrivare a Rai Campania, Rai Italia, Rainews24, Rainews.it con Rai Radio Live Napoli che proprio in questi giorni compie il suo primo anno di trasmissioni dal Cptv di Via Marconi.

Per quattro giorni la piazza di San Valentino Torio si vestirà con abiti multiformi dove si inizierà con un documentario di grande appeal: Totò e il Principe De Curtis. L’uomo oltre la maschera’, una produzione Ocean Productions in collaborazione con Rai Documentari scritto da Enzo De Caro con Tommaso Cennamo che ne ha curato anche la regia. L’attore napoletano racconterà, prima dell’inizio della proiezione, l’audiovisivo che ha ottenuto uno straordinario successo di pubblico. Il 30 maggio sarà la volta di ‘Un ritratto in movimento. Omaggio a Mimmo Jodice’ una produzione Big Sur con Luce Cinecittà in collaborazione con Rai Documentari, Titanus e Mad Entertainment con il contributo di Regione Campania e Film Commission Regione Campania per la regia di Mario Martone, scritto dal regista e Ippolita di Majo. E proprio il 30 maggio sul palco di San Valentino Torio arriverà anche Ludovica Coscione, tra le protagoniste della fiction che ha avuto un gigantesco successo: Mare Fuori.

Il 31 maggio sarà la volta di 4 giorni per la libertà. Napoli 1943. Una produzione Big Sur con Luce Cinecittà in collaborazione con Rai Documentari, Titanus e Mad Entertainment con il contributo di Regione Campania e Film Commission Regione Campania. Questi gli autori: Massimo Ferrari, Luciano Stella per la regia di Massimo Ferrari e le musiche di Antonio Fresa.

Il gran finale sarà ‘Scugnizzi per sempre’, una produzione Tramp Ltd in collaborazione con Rai Documentari. Autori: Gianni Costantino, Sante Roperto e Vincenzo Cascone per la regia di Gianni Costantino. E’ la storia della Juvecaserta, la prima e unica squadra del Sud a vincere il Campionato Italiano di pallacanestro, protagonista di una storia umana e sportiva. E a San Valentino Torio arriveranno alcuni tra i protagonisti dell’epoca.

Non mancherà lo spazio della musica e al cinema: a San Valentino Torio arriveranno, tra gli altri Enzo Gragnaniello, Antonio De Matteo, Michela Baselice, Alesol, Marco Zurzolo e i Cosmonauti Borghesi.

 

Sabato 1 giugno la conclusione di Agrodoc, proposto dalla Hightlights in collaborazione con il Comune di San Valentino Torio, sarà in immagini, sport e musica: ogni serata sarà ad ingresso libero e titolo gratuito.