Crisi ospedaliera. Il Movimento 5 Stelle attacca l’Asl: “Continua la frantumazione delle norme, che disciplinano le procedure per interventi, con fondi del PNRR-PNC. parte dell’’Azienda Sanitaria Locale”
Comunicato Stampa Salute & Sanità

Crisi ospedaliera. Il Movimento 5 Stelle attacca l’Asl: “Continua la frantumazione delle norme, che disciplinano le procedure per interventi, con fondi del PNRR-PNC. parte dell’’Azienda Sanitaria Locale”

Movimento 5 Stelle di Eboli

Continua la frantumazione delle norme, che disciplinano le procedure per interventi, finanziati con fondi del PNRR-PNC. Questa volta non è una grande società pubblica, ma l’Azienda Sanitaria Locale di Salerno. La delibera 1673 del 28 novembre scorso avente a oggetto i“ Lavori di realizzazione del nuovo P.O. di Battipaglia, primo corpo – PNRR PNC Missione 6, Componente 2- Affidamento del servizio di Ingegneria e Architettura per il supporto alla redazione del DIP-CUP C25 F 2200”. 

Tradotto è la delibera per l’ospedale unico. Facendo riferimento a fondi del PNRR e la Missione 6 componente 2, che tratta“ Verso un nuovo ospedale sicuro e sostenibile“  è assente nel corpo della deliberazione il riferimento e la vincolante verifica del Principio DNSH, senza il rispetto del quale non si può accedere ai finanziamenti del PNRR. Attivare la progettazione, considerato che è citato il Codice Unico di Progettazione (CUP) C25F22001030001 senza la verifica dell’obbligo della  relazione sul rispetto del principio DNSH,  obbligatoria per quelle attività per le quali è richiesta una valutazione dell’impatto ambientale o una verifica di assoggettabili a VIA  prima di poter essere classificate come sostenibile,  secondo le indicazioni della Tassonomia dell’Unione Europea sulle attività sostenibili. L’accesso ai finanziamenti del dispositivo europeo di Ripresa e Resilienza (RRF) è condizionato al fatto, che i Piani nazionali (PNRR) includano misure che concorrano concretamente alla transizione ecologica  e che, in nessun caso, violino il principio del Do No Significant Harm (DNSH), ossia non devono arrecare un danno significativo all’ambiente (Regolamento UE 2021/241). Tale principio assume rilevanza anche, per gli interventi ricompresi nel Piano nazionale per gli investimenti complementari al PNRR (PNC), pur non essendo questi investimenti oggetto di rendicontazione secondo i criteri del Dispositivo per la Ripresa e Resilienza. Nella delibera le fonti di finanziamento sono PNRR e PNC. 

La delibera nella parte finale attesta, che“ il provvedimento alla stregua dell’istruttoria compiuta e delle risultanze e degli atti tutti richiamati nella premessa costituenti istruttoria a tutti gli effetti di legge è regolare e legittimo, nella forma e nella sostanza ai sensi della vigente normativa”.

Eboli 02/12/2023                                    Il Rappresentante Territoriale 

Erasmo Venosi