Da “Le Cronache del Salernitano”: salone internazionale del libro di Torino premiata la poetessa ebolitana Lina Rizzo
Cultura Eventi

Da “Le Cronache del Salernitano”: salone internazionale del libro di Torino premiata la poetessa ebolitana Lina Rizzo

Con la 36esima edizione si è aperto anche quest’anno il Salone internazionale del Libro di Torino, un evento che in questa ennesima edizione di questo attesissimo palcoscenico, ha visto emergere realtà editoriali e autori di primissimo livello. Eboli, degnamente rappresentata, è salita sul palco dei premiati con la poetessa e scrittrice Lina Rizzo, che ha presentato il suo inedito «Oltre il sogno….la Poesia». Una grande emozione per un riconoscimento importante in un luogo magico e straordinario. “Tantissimi libri in esposizione ci aiutano a viaggiare, a capire, a imparare….a sognare a occhi aperti, per questo io non mi stancherò mai di leggerli…né di scriverli – ha detto a noi Lina Rizzo”. Nata a Eboli, moglie del prof. Cosimo Di Tolla, gloria del calcio professionistico e attuale organizzatore delle manifestazioni studentesche a squadre dei campionati italiani di scacchi, e madre di due figli, Lina Rizzo decanta spesso nelle sue liriche e nei suoi racconti la sua amata città, di cui afferma di volerne mostrarne sempre l’inconfondibile bellezza. “Lei è una donna pericolosa…perché le sue poesie mi fanno emozionare! – Queste le parole del Presidente del Premio Internazionale Autori Italiani, nel leggere alcune parti dell’opera della poetessa ebolitana, libro premiato con Diploma di Merito dalla Giuria. – In Italia si sta innalzando il livello delle opere, e in questa ennesima edizione si confermano questi dati – diceva inoltre nel corso della giornata di premiazione il Presidente del Premio Autori”. La scrittrice ebolitana, che con la collaborazione del periodico mensile “Il Saggio” del Cav. Peppe Barra, ha pubblicato con esso quattro libri, ha raggiunto già grosse soddisfazioni e importanti traguardi che la stimolano ulteriormente a continuare per nuovi obbiettivi. Premiata in moltissimi concorsi nazionali e internazionali, sia con poesie singole, alcune tradotte in altre lingue, che con altre pubblicazioni, ha ricevuto con quest’ultima opera l’ambito premio del Club degli Editori Milano e Autori Italiani, con proposte di importanti pubblicazioni. ”Ho partecipato alla Prima Festa Nazionale Della Poesia di Civitavecchia, evento di portata internazionale con un ristretto numero di partecipanti, insieme a poeti del calibro di Corrado Calabrò, Francesco Agresti, Cinzia Demi, Gabriella Sica e altri, un avvenimento di cui sono particolarmente orgogliosa perché scelta da una giuria formata da importanti e famosi personaggi della cultura italiana. Alcune mie liriche sono state esposte all’Art Gallery di Milano, alla Biennale di Venezia e alla Biennale di Milano, sono presente su molte antologie internazionali e su Collana dei Poeti del Nuovo Millennio – ci ha riferito Lina Rizzo dopo la proclamazione del premio ricevuto”. Un grande lavoro frutto di un forte impegno che ha permesso alla poetessa di tagliare questo traguardo, un riconoscimento importante che contribuisce al percorso formativo, professionale ed editoriale, spesso spinto dal legame culturale e sociale con il proprio territorio. “Quando scrivo è come se scendessi dentro di me, in quella parte segreta del cuore dove è la sede dei sentimenti più profondi, alla ricerca di qualcosa che mi appaghi, che mi faccia stare bene…ma siccome quando si scrive non si compie un atto che termina lì dove finisce, la cosa più bella e gratificante è sicuramente quella di trasmettere anche in chi legge le mie emozioni, di condividerle e di rendermi conto di quanto appartengano a tantissime persone, che in esse si ritrovano – ha concluso in questa nostra intervista con il premio saldamente stretto tra le mani e piena di gioia, Lina Rizzo”.

GIUSEPPE SANFILIPPO