Lectio Magistralis Mariagrazia Pizza
Comunicato Stampa Cultura

Lectio Magistralis Mariagrazia Pizza

Città di Eboli

Comunicato stampa

 

Lectio Magistralis Mariagrazia Pizza

 

Una scienziata, una ricercatrice, ma anche mamma di due figli. Una donna che ha inseguito il proprio talento e che da Eboli ha spiccato il volo verso Siena prima e Londra poi, mettendo al servizio della medicina e di milioni di persone le proprie competenze. È questo, in breve, il ritratto di Mariagrazia Pizza che stamani ha ricevuto il riconoscimento de “le Chiavi della Città” dal Sindaco Mario Conte. Riconoscimento che verrà celebrato in una seduta del Consiglio comunale da stabilire non appena la professoressa Pizza sarà di nuovo a Eboli.

Dopo l’intervista condotta egregiamente dal giornalista Vito Pompeo Pindozzi, la dottoressa Pizza ha splendidamente interagito con gli studenti presenti al Cinema Teatro Italia. Un fuoco di fila di domande che hanno dato modo alla ricercatrice non solo di parlare dei suoi studi, ma anche di sottolineare come sia sempre fondamentale seguire i propri sogni per raggiungere il traguardo.

«Il momento più bello è stato vedere l’interesse e la partecipazione degli studenti – ha sottolineato l’Assessore alla Cultura Lucilla Polito – hanno posto tantissime domande, sia sul suo lavoro che sulla sua vita, dimostrando grande curiosità. C’è stato un vero e proprio confronto che è risultato molto interessante anche per gli adulti».

«Ragazzi e ragazze, la cui età varia dalla scuola primaria fino alle Superiori – ha aggiunto il Sindaco Mario Conte – che dimostrano di voler capire non solo come si raggiunge il successo e come si fa a conciliare vita privata e vita professionale, ma anche appassionati delle scoperte scientifiche della professoressa Pizza che hanno fatto di tutto per poter comprendere. La nostra città ha dato i natali a molti talenti e stamattina abbiamo avuto la dimostrazione che il polo scolastico di Eboli è veramente di alto livello e siamo sicuri che tra i giovani e i giovanissimi che stamani erano presenti emergeranno nuove eccellenze da onorare nei prossimi anni».