QUERELLE BUONI PASTI ALL’ASILO E ARTICOLI DI STAMPA: I SINDACATI REPLICANO
Politiche Sociali Ultima Ora

QUERELLE BUONI PASTI ALL’ASILO E ARTICOLI DI STAMPA: I SINDACATI REPLICANO

SEGRETERIE PROVINCIALI SALERNO

Salerno 10/12/2023
Prot. 858/2023
Al Signor Sindaco
Al Segretario Generale
Ai Responsabili dei Servizi
Alla RSU
Ai Dipendenti
COMUNE DI EBOLI
e p.c.
Agli Organi di Stampa
PROVINCIA DI SALERNO

Oggetto: FP CGIL- UIL FPL – CSA FIADEL Non mortifichiamo la storia e gli ideali dei sindacati
che in altri contesti si sono sempre distinti in ben diversa cifra morale.

Le OO.SS. in intestazione, avendo preso visione di un articolo pubblicato sul quotidiano “La Città” lo scorso 2 dicembre dal titolo “Scandalo buoni pasto all’asilo” intendono chiarire la propria posizione, già oggetto di replica, non del tutto esaustiva, sul medesimo quotidiano.
Nel merito, onde riportare la dinamica dei fatti con aderenza alla realtà, ci tengono a sottolineare che l’ultima delegazione trattante del 15 novembre u.s., svoltasi tra parte pubblica e parte sindacale presso l’aula consiliare del comune di Eboli, ha visto realizzarsi un’attenta disamina degli aspetti giuridico-normativi che caratterizzano la corretta applicazione del contratto di lavoro per i dipendenti comunali, alla luce dell’intervenuto rinnovo contrattuale del 16.11.2022.
Duole, pertanto, constatare che, con una sterile quanto strumentale distorsione dei fatti e anche della corretta applicazione degli istituti contrattuali, venga sollevato un polverone sulla corresponsione dei buoni pasto al personale specializzato del nido e sull’indennità di turno.

Filomena D’Aniello – Segretario Organizzativo UIL FPL Salerno – .
La UIL FPL con estrema onestà intellettuale ha provveduto immediatamente al termine della contrattazione a divulgare un comunicato illustrativo a tutti i lavoratori, spiegando in maniera circostanziata, quanto intervenuto in sede di delegazione, tra l’altro ampiamente documentato dal verbale agli atti.
La norma per il servizio mensa/erogazione buoni pasto è chiara “Il servizio di mensa, o il buono pasto sostitutivo, è riconosciuto, indipendentemente dalla durata della giornata lavorativa, per il personale che contestualmente è tenuto ad assicurare la vigilanza e l’assistenza ai minori… e per il personale degli enti che gestiscono le mense, … che sia tenuto a consumare il pasto in orari particolari e disagiati in relazione alla erogazione dei servizi di mensa. Il tempo relativo è valido a tutti gli effetti anche per il completamento dell’orario di servizio”.
Questa organizzazione ritiene doveroso prendere le distanze da chi parla di storia di buoni pasto incredibile, sostiene, invece, una corretta ed estensiva applicazione della norma, che tuteli tanto le educatrici quanto il personale di supporto afferente al nido.

Rimaniamo esterrefatti di fronte ad affermazioni che inneggiano alla legalità, senza entrare nel merito della stessa. Ci spiace constatare che chi dovrebbe tutelare gli interessi dei lavoratori, si lasci andare ad affermazioni inconsistenti, non supportate da alcun riscontro documentale e che si rivelano esclusivamente quale attacco gratuito sia a parte datoriale che a parte sindacale, dimenticando che al tavolo di delegazione trattante erano sedute tutte le sigle sindacali e che tutte hanno contezza reale di quanto dibattuto per i buoni pasto all’asilo nido, per le indennità di turno, di reperibilità e di tutti gli altri istituti contrattuali oggetto di contrattazione decentrata.

Alfonso Rianna – Segretario Autonomie Locali FP CGIL Salerno – .
Nell’incontro di delegazione trattante ponemmo il problema del servizio reperibilità visto che solo la manutenzione è addetta a codesto istituto, evidenziando che risulta illegittima l’applicazione o almeno al limite della fattibilità, in quanto la squadra di intervento è carente delle altre figure che completano la stessa (Polizia municipale) e per gli operai interviene una ditta esterna. Appare singolare parlare di legalità in maniera settoriale. Noi tuteliamo tutti i lavoratori e non facciamo interessi di parte come qualcuno tenta di fare da qualche tempo, con evidente affanno.
E, aggiungo, siamo riusciti a trovare la quadra anche per l’istituto delle specifiche responsabilità, istituto che merita la giusta declinazione in applicazione della norma.
Pur nella fisiologica contrapposizione delle parti la guida è stato l’interesse e la tutela dei lavoratori tutti.

Angelo Rispoli – Segretario Generale CSA FIADEL Salerno – .
Il sindacato non è una bottega dove ognuno cerca di vendere il proprio prodotto, magari offendendo le altre sigle o attaccando i colleghi di lavoro. Fare sindacato è svolgere un servizio e nel pubblico impiego chi si impegna nel sindacato svolge una duplice azione tutela dei cittadini e tutela dei propri colleghi. Se ci sono cose che non vanno, e non è il nostro caso, si dovrebbe affrontare il problema nelle sedi giuste e non cercando di alzare un polverone per fare mero scandalismo sapendo che i colleghi e le altre sigle sindacali lasciano correre. Questi modi di fare allontano i lavoratori dal sindacato ed i cittadini dalle istituzioni. Per noi del CSA vale sempre l’antico slogan mai divisioni, affrontare e risolvere i problemi nella chiarezza perché uniti si vince.

Queste OO.SS. sono disponibili al confronto serio, costruttivo, leale, propositivo, non ritengono validi proclami mediatici che rimangono tali, mortificando il ruolo delle OO.SS., la loro storia e i loro ideali, che in altri contesti si sono sempre distinti in ben diversa cifra morale.
Non servono proclami ma fatti concreti, reali e soprattutto veritieri, senza alzare la voce, ma con rispetto, spesso venuto meno con attacchi anche sfociati sul personale.
Invece di alzare la voce, ci si limiti ad alzare i toni per affermare la verità, quella che rende realmente liberi, liberi dalla conta delle tessere, dalla politica, dal compromesso, dalla superficialità.
L’invito a parte datoriale è solo quello di essere garante di equilibrio e rispetto, rispetto che mai può essere travalicato da entrambi le parti, che hanno l’onere e l’onore di tutelare gli interessi pubblici contemperandoli con quelli dei lavoratori.

Segreteria Provinciale Segreteria Provinciale Segreteria Provinciale
FP CGIL                  UIL FPL                              CSA
Alfonso Rianna Filomena D’Aniello Angelo Rispoli

Firma autografa omessa ai sensi dell’art.3 D.Lgs 39/1993

Filomena D'Aniello