SALA CONSILINA: Il “Presepe di Guerra” de Il Giardino Segreto APS riceve una menzione alla VI edizione di “Presepe Insieme
Cultura Eventi Uncategorized

SALA CONSILINA: Il “Presepe di Guerra” de Il Giardino Segreto APS riceve una menzione alla VI edizione di “Presepe Insieme

Il “Presepe di Guerra” de Il Giardino Segreto APS riceve una menzione alla VI edizione di “Presepe Insieme”

Sabato 3 febbraio 2024, si è tenuta la cerimonia di premiazione della VI edizione di “Presepe Insieme” in memoria di Franco Ricciardi, organizzata dalla Parrocchia di San Marco di Teggiano, dalle ACLI Camminare insieme APS e dalla Società Operaia “Torquato Tasso” di Sala Consilina.

L’evento si è svolto a partire dalle ore 18 a Sala Consilina, presso la Società Operaia “Torquato Tasso”.

In tale occasione, il Punto Famiglia Acli “Il Giardino Segreto APS” di Eboli ha ricevuto una menzione, nella categoria “Associazioni”, per il suo “Presepe di Guerra”. Il diploma è stato ritirato da Berniero Barra, socio de Il Giardino Segreto APS.

La motivazione della Menzione recita: “Per aver contrapposto il messaggio di pace della Natività a un tragico contesto di guerra, rappresentato dalle vedove e dagli orfani, vittime dei conflitti, e dal carro armato e dai soldati, simbolo di distruzione e di ricerca esclusiva del profitto. Lo scenario è stato realizzato in maniera creativa, utilizzando semplici materiali riciclati e manufatti poveri.”

Il Presepe di Guerra de Il Giardino Segreto APS è infatti realizzato con materiale di riciclo, come la carta del pane, scatole di cartone e bottiglie di vetro.

Alla povertà dei materiali corrisponde una grande ricchezza del messaggio che il presepe vuole trasmettere.

La più grande peculiarità di questo presepe è sicuramente la mangiatoia vuota: in un “presepe di guerra” Gesù bambino, portatore di messaggi di Pace, non può nascere.

La mangiatoia è rimasta vuota anche il 25 dicembre e lo resterà fin quando in ogni parte del mondo gli uomini non avranno deposto le armi e ogni sanguinoso conflitto sarà cessato.

 

Miriam Santimone